8mdg - obiettivo 7

La maggior parte dei paesi si è impegnata a introdurre principi di sviluppo sostenibile nelle politiche e nelle strategie nazionali. Si sono anche intesi sull’attuazione di importanti accordi internazionali. Ma le buone intenzioni si sono tradotte in progressi insufficienti per invertire la tendenza al degrado del nostro capitale ambientale. Anche le regioni che hanno realizzato grandi progressi nel raggiungimento di altri Millennium Development Goals, come parte dell’Asia, tendono ad avere risultati poveri rispetto alla questione ambientale.

LE FORESTE E L’AMBIENTE MARINO:

Le foreste coprono un terzo della superficie terrestre e costituiscono uno dei più ricchi ecosistemi. Contribuiscono anche alla sopravvivenza di più di un miliardo di persone costrette in estrema povertà. Durante i dieci anni dal 1990 al 2000 le foreste si sono ridotte di 940.000 chilometri quadrati, un’area grande quanto il Venezuela, per essere state convertite in latifondi e adibite ad altri usi.

Ma ci sono segnali positivi. Pratiche di gestione sostenibile delle foreste, tra cui l’attività agricola forestale e la riforestazione, vengono sempre più spesso utilizzate per ridurre la pressione sulla terra e migliorare la vita delle comunità che abitano nelle foreste o al loro limitare. l’ambiente marino è assai poco rappresentato con meno dell’1 per cento di ecosistemi marini protetti. La perdita di habitat e di diversità biologica continua con più di 10.000 specie considerate a rischio.

L’OZONO:

Lo strato di ozono nella stratosfera assorbe le radiazioni ultraviolette, che sono state collegate alla maggiore incidenza di cancro della pelle e ad altri pericolosi effetti sulle specie viventi. Attraverso una cooperazione globale senza precedenti l’uso dei fluoroclorocarboni (CFC) - responsabili della riduzione dello strato di ozono – è stato ridotto a un decimo dei livelli del 1990. Nonostante questi progressi, la riduzione di ozono nella stratosfera resta una preoccupazione dal momento che restano alte le concentrazioni di cloruro e bromuro e il recupero dello strato protettivo di ozono, pur facendo passi in avanti, è atteso solo per la metà del ventunesimo secolo.

L’ANDIDRIDE CARBONICA:

Le emissioni pro capite di anidride carbonica, fonte principale dell’effetto serra, sono aumentate nei paesi in via di sviluppo e sono rimaste stabili nel gruppo di paesi industrializzati che hanno ratificato il Protocollo di Kyoto. A livello mondiale le emissioni pro capite sono un po’ diminuite.

I progressi nell’efficienza dell’energia e l’accesso a tecnologie e carburanti puliti sta procedendo, ma il trasferimento di queste nuove tecnologie ai paesi in via di sviluppo, dove il bisogno di energia ha subito un’impennata, non sta procedendo a un passo sufficientemente rapido. Modelli di consumo razionale tra i paesi più ricchi possono aiutare a garantire la sostenibilità dell’ambiente.

Per contrasto, circa metà della popolazione mondiale dipende da combustibili solidi, tra cui legno, escrementi, residui di raccolti e carbone, per soddisfare i loro più elementari bisogni di energia. Nelle case l’inquinamento, dovuto alla combustione di tali carburanti, determina più di 1 milione e 600 mila decessi all’anno, soprattutto tra le donne e i bambini.

L’ACQUA:

L’accesso all’acqua potabile e un sistema fognario elementare sono componenti indispensabili di una primaria cura della salute, di sviluppo umano e una condizione imprescindibile per vincere la guerra contro la povertà, la fame, la mortalità infantile e il raggiungimento dell’uguaglianza tra uomo e donna.

Negli anni ’90 sono stati fatti progressi nell’incrementare l’accesso a sorgenti di acqua potabile più sicure. Ma più di un miliardo di persone ancora non ne possono usufruire. La distribuzione procede lenta, soprattutto nelle aree rurali dell’Africa e negli slums urbani. Progressi ancora più lenti sono stati fatti nel mondo per migliorare la copertura fognaria.

Si stima che 2 miliardi e 600 mila persone – che rappresentano metà del mondo in via di sviluppo – manchi di bagni e di altre forme di miglioramento nell’igiene. La situazione è più tragica nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale.

  • Adelaide Di Nunzio
  • Valerio Acampora
  • Michele Catalano
  • Giorgio Mennella
  • Andreina Moriello
  • Luca Caratozzolo